Chi Siamo Il Nostro Progetto Servizi Come Raggiungerci Contattaci
Chi Siamo
Il Nostro Progetto
Servizi
Come Raggiungerci
Contattaci
Galleria
Sostienici
Youtube
News
 
 

 

 

 

UNIVERSITÀ DIMESSINA

CDL IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE CDL IN PSICOLOGIA

VIA BIVONA,MESSINA

Centro Diurno

“Carmelo Arigò”

Per la Riabilitazione e  lo  sviluppo del Progetto di Vita delle persone con Autismo

 

 

In conformità alle linee guida indicate dai decreti assessoriale della Sanità, questo progetto riabilitativo e di inclusione si pone l'obiettivo di offrire un percorso evolutivo specifico per bambini e adolescenti che presentano disturbi dello spettro autistico.

 

Il progetto si propone di istituire un centro diurno in cui saranno erogate attività riabilitative individuali e/o di gruppo con il contributo economico delle famiglie (3 ore al giorno, dal lunedì al sabato).L'erogazione intensiva delle attività abilitative e riabilitative garantisce il necessario supporto allo sviluppo  delle abilità carenti e/o mancanti e alla modificazione dei comportamenti disadattivi(stereotipie, aggressività, autolesionismo, ecolalie, ecc.) che, spesso, sono presenti con una elevata  frequenza  in persone con

Disturbo dello Spettro Autistico.

 

A completamento del percorso riabilitativo, saranno attivati laboratori strutturati che risultano essere ecologicamente più idonei a consentire il trasferimento delle competenze in ambienti che presentano le caratteristiche fisiche e funzionali degli ambiti abitativi, sociali/ricreativi e lavorativi.

 

 

 

FASE DI RIABILITAZIONE

 

Responsabile scientifico :Prof.ssa Pina Filippello

 

Docente di Psicologia Clinica dello Sviluppo-  Corso di Laurea in Psicologia- Università di Messina


 

 

 

 

ragazzi dai 3 ai 18 anni

OBIETTIVI

 

•:•    Sviluppo delle abilità di base (collaborazione a semplici richieste, contatto oculare, imitazione)

•:•    Sviluppo delle abilità di comunicazione verbale e aumentativa l alternativa

•:•    Sviluppo delle abilità socio-relazionali (Risposta a semplici domande, iniziare e mantenere una conversazione, riconoscimento ed attribuzione di stati   emotivi e  mentali, Problem solving sociale

•:•    Sviluppo delle abilità cognitive e scolastiche (Formazione di concetti, Abilità di pianificazione, Controllo dell'interferenza, Inibizione degli stimoli irrilevanti, lettura, scrittura e calcolo)

•:•    Sviluppo delle abilità strategiche (alternative ai comportamenti ritualistici e stereotipati)

•:•    Sviluppo delle abilità di autoaccudimento (mangiare, lavarsi e vestirsi autonomamente, uso dell'orologio, del  telefono ,del denaro)

•:•    Sviluppo delle abilità psicomotorie (Abilità grosso e fino motorie, coordinazione motoria e oculo manuale, orientamento spazio-temporale, uso del corpo per l'espressività emozionale)

•:•    Organizzazione e gestione del tempo libero e dell'integrazione sociale (Laboratori protetti di pittura,

danza, musica, teatro ,ecc)

 

Metodologia di intervento

 

Il presente progetto riabilitativo, pur nella specificità degli interventi e degli obiettivi da perseguire, prevede che tutte le figure professionali adottino le metodologie cognitivo-comportamentali per l'approccio all'utente in trattamento.

 

 

AGENZIE EDUCATIVE

FAMIGLIA E SCUOLA

In accordo con  le  teorie  ecologiche  dello sviluppo  si ritiene che  la quantità  e quali delle  interazioni individuo-ambiente possano contribuire a spiegare l'evoluzione più o meno favorevole del soggetto. Di conseguenza, qualunque intervento riabilitativo non può prescindere dal coinvolgimento dei genitori e degli insegnanti.

 


 

 

 

Parent training


INTERVENTO SULLA FAMIGLIA Prof. sse R. Larcan,  F. Cuzzocrea


Il programma  prevedere   13  incontri della durata  di 2  ore ciascuno,  a cadenza  settimanale. l  genitori apprenderanno modalità adeguate di interazione con i figli, diventando protagonisti del percorso evolutivo.

•:•  Rilevazione del comportamento nel setting familiare

•:•  Tecniche comportamentali per incrementare la frequenza dei comportamenti adeguati e ridurre la frequenza di quelli inadeguati

•:•  Applicazione delle abilità apprese per promuovere il rispetto delle regole

•:•  Gestione autonoma dei comportamenti dei figli

 

INTERVENTO A SCUOLA

 

Incontri periodici con gli  insegnanti per la condivisione del progetto educativo

FIGURE PROFESSIONALI  COINVOLTE: PSICOLOGO - PSICOMOTRCISTA – LOGOPEDISTA - ESPERTI IN ATTIVITA' ESPRESSIVE


 


 

 

FASE  POST-RIABILITAZIONE

Responsabile scientifica: Prof.ssa A Murdaca

Docente  di Didattica Speciale- Corso di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche- Università di Messina

 

GENERALIZZAZIONE   E SVILUPPO DELLE ABILITA' AVANZATE

 

Il presente piano di lavoro nasce dall'esigenza di indagare le prospettive di inclusione sociale nell'ottica del progetto di vita dei soggetti autistici e sottolinea l'importanza nella abilitazione/riabilitazione del "fare" organizzato per consentire a tutti i soggetti in questione di raggiungere il pieno sviluppo delle proprie potenzialità e il recupero di quelle abilità che sono andate perdute perché inutilizzate. Si tratta di creare, tramite attività laboratoriali, un "luogo mentale"  di accoglienza e di collaborazione, utile a dar senso al quotidiano per il soggetto e costituisce un'occasione pressoché unica non solo per ricercare apprendimenti funzionali, ma anche per comprendere meglio il mondo con le sue regole, a volte così oscure ed illogiche per la persona con autismo

Il progetto, inserendosi nell'ottica del ciclo vitale dell'individuo, mira alla progettazione di un centro di formazione professionale finalizzato all'inserimento lavorativo di disabili intellettivi. Insieme agli altri, lo scopo

è di far conoscere come questi ragazzi possano raggiungere, se adeguatamente seguiti, non solo il ruolo di "lavoratore", ma anche la dimensione di "persona" perfettamente integrata nella società e capace di esprimersi in ogni aspetto: emotivo, affettivo, cognitivo e relazionale.

 

OBIETTIVI Destinatari: giovani adulti

•!• Incremento delle abilità di autonomia personale e autogestione ambientale

•!• Incremento delle abilità adattive di tipo funzionale

•!• Organizzazione e gestione del tempo libero e dell'integrazione sociale

•!• Abilità psico-motorie

•!• Sviluppo delle abilità occupazionali finalizzate allo svolgimento di attività lavorative

•!• Formazione professionale e successiva partecipazione ad attività lavorative protette

(zappare, piantumare, raccogliere la legna, e esercitare la motricità)

•!•   conoscere le possibilità applicative dei linguaggi non verbali e artistici    (pittorico, corporeo, musicale, espressivo);

•!•  apprendere le tecniche per la costruzione di un legame affettivo capace di stimolare

la creatività e la elaborazione cognitiva;

•!•  modalità di utilizzo delle terapie olistiche integrate per il recupero, la riabilitazione, l'educazione e la cura di soggetti in difficoltà o in stato di disagio,

•!valutare i cambiamenti indotti con tecniche non verbali nell'acquisizione degli

      oggetti (interni ed esterni), nel controllo delle emozioni, nello sviluppare la creatività

     e le funzioni immaginarie e cognitive.

 

 

DESTINATARI -LABORATORI

 

Bambini, ragazzi e adulti, affetti da sindrome dello spettro autistico (alto e basso funzionamento).


 

 

 

INTEGRAZIONE MOTORIA

 

                                                                                                                                                                 

Acquisizione dello schema corporeo; Stimolazione di abilità grosso e fino motorie; Coordinazione motoria e oculo-manuale; Miglioramento dell'orientamento spazio-temporale; Migliorare l'espressività emozionale.

 

 

 

 

ARTISTICO-ESPRESSIVO

 

Riconoscimento, denominazione e categorizzazione di materiali colori e forme; Sviluppo delle abilità pre-grafiche e grafiche (coordinazione visuo-motoria, orientamento grafico nello spazio);

Sviluppo dell'immagine corporea; Ampliamento delle potenzialità verbali e non; Miglioramento della consapevolezza emotiva.

 

 

ESPRESSIVO-TEATRALE

 

 

Migliorare l'interazione;

Stimolazione del linguaggio attraverso lo sviluppo dell’espressione vocale, le prove di recitazione e l'interpretazione dei ruoli;

Autoregolazione delle emozioni;

Sculpting, utilizzare il corpo e la capacità di espressione fisica per sviluppare la comprensione sociale oltre che acquisire la consapevolezza di sé.

 

 

FATTORIA SOCIALE

 

Stimolare il senso di autostima e di efficacia personale, sulle base di percorsi individualizzati e flessibili;

Utilizzare le risorse agricole per generare benessere  sociale; Sperimentare  nuovi percorsi di inclusione lavorativa; Incrementare la rete di protezione sociale;

Promuovere la sperimentazione di vincoli di solidarietà e di aiuto reciproco tra gli utenti.

 

 

 

Le figure professionali previste:

PSICOLOGO COORDINATORE -PSICOLOGI  ESPERTI  DI ATTIVITA' TEATRALI  ED  ESPRESSIVE-PSICOMOTR ICISTADELL'ETA' EVOLUTIVA- ESPERTI ESTERNI APPOSITAMENTE  FORMATI PER LA SUPERVISIONE DELLE ATTIVITA' CREATIVE­ EDUCATORI l PEDEGOGISTI O EDUCATORI SOCIO PROFESSIONALI PER INTERVENTI EDUCATIVO RIABILITATIVI


Site Map